Fratelli d'Italia in difesa delle residenze per anziani: ospiti ed operatori abbandonati dalla Regione Campania


Fratelli d'Italia a Napoli prende posizione in difesa delle residenze per anziani: "ospiti ed operatori abbandonati dalla Regione Campania”. 

“Siamo preoccupati -spiega il portavoce cittadino Andrea Santoro- perchè l'Amministrazione De Luca non ha messo in campo alcuna misura di supporto per queste strutture. Come richiesto a più riprese dall'associazione di categoria A.NA.S.T.E. (associazione nazionale strutture terza età), non è stato ancora predisposto un piano per l’esecuzione periodica, anche in assenza di specifica sintomatologia, di tamponi covid-19 a tutti i dipendenti afferenti a tali strutture al fine di ridurre le probabilità di contagio. Atteso che in questo momento le strutture socio-sanitarie in osservanza del DPCM del 4 marzo e successivi hanno interrotto le visite dei familiari, gli unici veicoli di infezione sono solo i dipendenti che ogni giorno dall’esterno entrano in struttura. Va resa obbligatoria, anche in assenza di specifica sintomatologia, l'esecuzione di tamponi Covid19 a tutti i soggetti che devono essere ammessi nelle strutture, siano essi proveniente da contesti domestici sia dimessi da strutture sanitarie”. 

“Chiediamo al Governatore De Luca -conclude il rappresentante di Giorgia Meloni- di rendere obbligatorio l’osservanza di precisi protocolli di prevenzione. In particolare proponiamo di seguire il rapporto n. 4 del 2020 dell’Istituto Superiore della Sanità il quale ha fornito le indicazioni ad interim per la prevenzioni ed il controllo dell’infezione da Sars-cov2 nelle strutture residenziali socio-sanitarie. Occorrono canali preferenziali per la fornitura o l’acquisto di materiale di prevenzione al contagio, quali mascherine, guanti, igienizzanti, camici monouso che in questo momento risulta difficile reperire».

Post più popolari